L’inventore del primo motore elettrico negli stati uniti

Pubblicato da Riccardo Cardito il

L’inventore del primo motore elettrico negli stati uniti

L'inventore del primo motore elettricoL’inventore del primo motore elettrico negli stati uniti. Fu realizzato da un certo Thomas Davenport, nato Williamstown, nel Vermont il 9 luglio 1802 e morto prematuramente nel 1851 a 49 anni. Thomas visse con sua moglie Emily nel villaggio di Forest Dale, ed il suo lavoro  era il fabbro. Un giorno mentre stava visitando Crown Point a New York, le opere in ferro di Penfield e Taft. Notò un elettromagnete basato sul progetto di Joseph Henry, e da quel momento la sua vita cambio. Compro quel elettromagnete, e una volta a casa lo smonto per vedere come funzionasse. Intuì che forgiando un nucleo di ferro migliore, e modificare il cablaggio usando la seta presa dall’abito da sposa della moglie. Realizzo un avvolgimento , per generare forza sotto forma di rotazione di un albero, alimentato da una corrente continua a batteria.

La prima stampa realizzata da un motore elettrico

La prima stampa realizzata da un motore elettricoThomas e sua moglie Emily, nel 1834 il primo motore elettrico a batteria, e lo sperimentarono montandolo su una piccolo modello di auto, e provandola su un breve tratto di strada. In seguito questo esperimento, ispiro Charles Grafton Page che nel 1849, con ingenti fondi stanziati dal senato americano. A progettare e costruire una locomotiva elettromagnetica, che venne inaugurata nel 1851 sulla linea ferroviaria tra Washington e Baltimora, finita in un disastro.

Nel 1837, Thomas e sua moglie Emily, insieme alla sig. Orange Smalley, ricevettero il primo brevetto americano di motore elettrico. Che a istallato su una macchina per stampare giornali, e nel 1841, con la sua macchina per stampare, con il suo motore a batteria, realizzo il primo giornale usando l’elettricità.

L’evoluzione del motore elettrico

In futuro il motore elettrico subi diverse evoluzioni, divenne sempre più potente. E viene alimentato non solo con la corrente continua di una batteria, ma anche da una corrente alternata. E si può anche usare come generatore  di corrente, nella direzione opposta, convertendo l’energia meccanica in energia elettrica.

 

Il progresso tecnologico è come un’ascia nelle mani di un criminale patologico.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *